• ABOUT
  • CONTATTI
  • Bit_traces

    Bit_traces è un progetto di ricerca  il cui risultato sono una serie di illustrazioni dipinte con pennarelli, penne, matite e altri strumenti da scrittura e disegno e come il progetto Programmed Clay, è finalizzato a esplorare  il potenziale della produzione artistica che utilizza direttamente il codice come strumento creativo. Diversamente da quest’ultimo, il processo produttivo non fa riferimento ad una sola macchina e non si utilizza quindi solo un tipo di codice, ma si sfruttano le potenzialità di diverse macchine, dalla classica stampante 3D, passando per le fresatrici fino ai robot industriali. Come nel caso di SEAmirabilia, il codice viene prodotto in modo non convenzionale, senza l’utilizzo di un software dedicato che trascrive la lavorazione in codice seguendo I vettori del disegno, ma generando direttamente il codice da un percorso, che include una serie di variabili controllate, utili a ottenere risultati ogni volta differenti, definiti non solo dal codice parametrico ma anche dal supporto scelto, dallo strumento di disegno e dalla macchina. L’opera finita non è paragonabile ad una produzione stampata, proprio perchè non si tratta della stampa di un illustrazione, nel caso del progetto Bit-traces la macchina emula quello che è il processo produttivo tipico dell’illustratore che lavora a mano, la digitalizzazione del processo non è finalizzato alla riproduzione fedele di un immagine, ma consiste nel disegno e nella pittura nel senso tradizionale del termine, attraverso però il codice. Il tema di questo progetto è l’esplorazione dello spazio tra produzione manuale e artigianle in ambito artistico, in cui come autore mi pongo in modo critico nei confronti di entrambi I processi e lavoro a metà tra questi due mondi, ricercando I valori tipici e caratteristici di entrambi, con l’obiettivo di capire a fondo come si rapportano tra di loro, contrastandosi e completandosi.